La Palma SPA
il paesaggio del progetto
La naturalità materica come filosofia progettuale immersa in morbide simmetrie che disegnano e definiscono volumi e profondità
Anno di realizzazione: 2010
Anno di progettazione: 2010
Tipologia di realizzazione: Interior design; D.A.; rendering; grafica
Dimensioni: 300 M.q.
Importo dell'opera: n.d.
Località: Stresa
Committente: Siav
web:
web:
SWIPE FOR MORE
Un cubo di vetro sospeso sull’edificio esistente dell’Hotel La Palma ospita la nuova SPA che si affaccia sul lago Maggiore e le sue Isole Borromee, circondati dal paesaggio e da una vista mozzafiato di cui si può godere da ogni angolo. Il luogo e la sua anima diventano un concetto chiave del progetto e ne scaturisce un percorso sensoriale, non solo fatto di alternanze spaziali di ambienti con funzionalità differenti, ma legato ad all’esperienza tattile, visiva ed olfattiva del vivere il momento di benessere. I materiali e i colori sono mutevoli, i legni sono profumati ma forti, resistenti alle alte temperature e alla continua usura dell’acqua L’ambiente raffinato e minimalista tra pareti trasparenti e materiche, unitamente a segni di luce e a lampade nascoste, contribuisce alla creazione di un ambiente meditativo e minimalista in cui trovare un piacevole rifugio. Il travertino venato, scelto per pavimenti e rivestimenti è un materiale della memoria, che scandisce e riveste totalmente le pareti, accompagnandoci con la sua cromia in tutto il percorso della SPA, interrotto solo dal contrasto del legno di rovere scuro e venato degli arredi ed al bronzo metallico delle maniglie. Tagli verticali in vetro brunito a tutt’altezza, segnano gli ingressi alle quattro zone differenti: la cabina di sale, il camerino massaggi, la zona umida e la zona con i lettini relax: un cubo di pietra racchiuso in una teca di cristallo. Tutto in questo progetto richiama modernità ed eleganza; niente è lasciato al caso, i dettagli sono studiati nei minimi particolari in un gioco che tende alla ricerca della perfezione per poter eliminare le dissonanze: gli impianti sono nascosti, l’aria fuoriesce da sottili feritoie nel controsoffitto, le porte si aprono come se fossero sospese. Infine sopra di essa la sky pool sulla terrazza all’ultimo piano, sospesa tra cielo e lago in uno sfiorare infinito dell’acqua, sorge in una delle aree più suggestive dell’ Hotel Una grande distesa di travertino avorio spazzolato e levigato si alza e si abbassa su più livelli per creare sedute e accogliere la piscina, parte integrante della pedana in pietra che contiene anche eleganti gazebi con svolazzanti tende bianche. Un ultimo blocco monolitico di travertino, sotto una grande copertura che lo protegge ed illumina, racchiude il suggestivo bar, teatro dal quale godere appieno dello splendido panorama.
2011
La Palma Spa
Stresa